Il commercio internazionale degli oli di oliva italiani e pugliesi: un'analisi comparata

Il settore olivicolo-oleario italiano deve confrontarsi con una crescente intensificazione della pressione competitiva, esercitata principalmente dei nostri competitor europei, ma anche dai Paesi extra-europei della sponda sud del bacino del Mediterraneo. Questi, nel 2010, a seguito degli accordi previsti dal partenariato euro-mediterraneo con l’Unione Europea (UE) godranno della completa attivazione dell’area di libero scambio, un processo che verosimilmente accrescerà ulteriormente la pressione competitiva sul nostro sistema produttivo. Recentemente sono state proposte alcune analisi tese a valutare le dinamiche recenti del commercio mondiale dell’olio di oliva e la competitività dei principali Paesi produttori sui mercati mondiali (Pupo D’Andrea, 2007) e la valutazione dei possibili effetti dell’avvio dell’area di libero scambio euromediterranea sul commercio dell’olio di olivo (Bernini Carrri e Sassi, 2007). Questa ricerca intende concentrare l’attenzione sull’analisi degli scambi sui mercati esteri di olio di oliva su scala regionale. L’obiettivo della ricerca, infatti, è valutare l’andamento dei flussi commerciali e l’evoluzione della capacità competitiva nell’ultimo decennio della principale regione italiana per produzione di olio di oliva, la Puglia, in rapporto alle altre regioni italiane. La finalità del lavoro è comprendere il contributo di questa regione alle performance commerciali nazionali sui mercati esteri. Materiali e metodi Le informazioni utilizzate nella ricerca sono i dati raccolti ed elaborati dall’ISTAT sul commercio estero di olio di oliva. Si tratta di dati annuali, nazionali e regionali, di import e export disaggregati per categorie merceologiche (codici CP-ATECO e NC8), per Paese di destinazione o di provenienza, per gli anni dal 1994 al 2006. I dati sui flussi commerciali dell'Italia con il resto del mondo sono accessibili direttamente dal sito internet dell’ISTAT (www.coeweb.istat.it) mentre i dati regionali sono stati ottenuti mediante richiesta di elaborazione personalizzata. Questi dati saranno elaborati con la finalità di analizzare l’andamento degli scambi sui mercati esteri di olio di oliva della Puglia nel corso del periodo considerato in rapporto all’andamento dei flussi commerciali internazionali dell’Italia e degli altri Paesi produttori più importanti. A tal fine saranno definiti ed eventualmente adattati diversi indici disponibili nell’ampia letteratura sul commercio internazionale. L’analisi prevede anche l’individuazione e il calcolo di indici di competitività del sistema produttivo olivicolo-oleario pugliese sui principali mercati di sbocco esteri. Risultati attesi Con questa indagine si perverrà a un descrizione dell’evoluzione nell’ultimo decennio della struttura dei flussi di import e di export regionale e nazionale, per categoria merceologia commercializzata. Si prevede di ottenere un quadro dei principali mercati di approvvigionamento e di sbocco per le principali tipologie olio di oliva. Si perverrà a una valutazione della competitività delle produzioni di olio di oliva pugliese sui principali mercati di sbocco esteri. L’interpretazione dei risultati ottenuti consentirà di fornire alcune indicazioni circa i possibili percorsi evolutivi del ruolo della Puglia sul mercato mondiale dell’olio di oliva.


Other Titles:
International Trade of Italian and Apulian Oils: a Comparative Analysis
Issue Date:
2008-06
Publication Type:
Conference Paper/ Presentation
DOI and Other Identifiers:
Record Identifier:
https://ageconsearch.umn.edu/record/48195
PURL Identifier:
http://purl.umn.edu/48195
Page range:
1-25
Total Pages:
25




 Record created 2017-04-01, last modified 2019-10-11

Fulltext:
Download fulltext
PDF

Rate this document:

Rate this document:
1
2
3
 
(Not yet reviewed)